freelancecamp Freelancecamp 2015

In questo post parliamo di…

Condividi su

Verso il #freelancecamp:
Alessandro Bonaccorsi

Scritto da Silvia Versari il 22 Aprile 2015
Alessandro è un illustratore di talento e un appassionato di personal branding, lui si definisce efficacemente "giardiniere dell'immaginario"

 

Molti pensano che fare i freelance sia un ripiego, magari perché non si trova lavoro, altri che sia una missione. Tu come ti poni?

È una necessità: essere libero. Anche di sbagliare.
E il tempo per le idee è il tempo migliore del freelance.

 

Trovaci un’immagine che rappresenta per te il freelancismo.

Alessandro_Bonaccorsi_MEDUSA-stampa

Nuotare seguendo la medusa gigante, riuscendo a non farsi travolgere dalle paure e seguendone il nuoto sinuoso.

[Illustrazione di Alessandro, n.d.r]

 

Come ti immagini il Freelancecamp? O se hai già partecipato, come te lo immaginavi e cosa hai portato a casa?

 

Alessandro_Bonaccorsi_speech2013

Ho partecipato nel 2013 con il mio primo (o forse secondo) speech pubblico… a parte qualche matrimonio o funerale…
Per me è stata un’esperienza significativa e divertente perché ho potuto sperimentare, in un’atmosfera coinvolgente e abbastanza rilassata.
In effetti, fino alla sera precedente allo speech non avevo preparato le slide (io che sono un grafico!) e cercavo un coup de theatre, poi un grembiule è caduto e ho deciso di crearci su una slide analogica.
Mi piace quando lo speech diventa una piccola performance e al Freelancecamp ce ne sono di belli!
Ecco, una cosa che mi piace del Freelancecamp è che le persone sono rilassate, anche in ciabatte proprio. E questo rende tutto più leggero (ma non meno profondo o interessante).

 

Qual è la tua Twitter bio? Ce la spieghi?

alessandro_bonaccorsi_twitter

Giardiniere dell’immaginario, illustratore e grafico. Cucino la zuppagrafica.com e scrivo libri di illustrazione.
Appassionato di #personalbranding.

È proprio come mi sento: sono un creativo che fa tante cose e l’idea che la mia mente sia come un giardino mi affascina molto, per quanto non abbia affatto il pollice verde.
C’è quel che faccio e quel che sono, ciò che voglio si sappia di me.
Da qualche parte ho letto che invece di inseguire le farfalle, è meglio creare un giardino dove possano arrivare spontaneamente: ecco, la propria presenza online dovrebbe funzionare così.
E io punto molto sui miei fiori.

 

Il tuo intervento è previsto per domenica 17 maggio. Di cosa ci parli?

“Dove si nascondono le idee? E come arrivano?”
Consigli per essere più creativi e ispirati.
Il mio intervento vuole aiutare i freelance a mantenersi in uno stato costante di ispirazione creativa, proponendo metodi, trucchi e consigli, cercando di capire come liberare le idee e il nostro potenziale.
Visto che io non ci riesco, spero che gli altri siano più bravi di me :)

Sito * ZuppagraficaFacebook *  Twitter * il suo libro.

In questo post parliamo di…

Newsletter

stiamo salvando i tuoi dati…