freelancecamp Marina Romea 2018
Jader Zani Freelancecamp

In questo post parliamo di…

Condividi su

Verso il #Frelancecamp Marina Romea: Jader Zani

Scritto da Silvia il 23 aprile 2018
Jader è copywriter, imprenditore e anche startupper (porta la sharing economy in spiaggia). Non vediamo l'ora di conoscerlo!

Che lavoro fai?

Bella domanda :)
Scherzi a parte, ho lavorato per 7 anni come creativo in un’agenzia pubblicitaria di Bologna. Stufo di fare il pendolare ho deciso di iniziare l’avventura da freelance come creatore di contenuti e social media manager.
Dopodiché ho fondato, assieme a due amici/colleghi un collettivo creativo che si chiama Domani Studio, ci occupiamo di branding, web, social media e della gestione del portale eventsromagna.com.

Lo scorso anno ho fondato, assieme ai ragazzi dello studio, una startup innovativa che porta per la prima volta la sharing economy in spiaggia. Si chiama Marina e consente ai possessori di un ombrellone stagionale di guadagnare mettendolo in condivisione quando non lo utilizzano e ai bagnanti di prenotarlo a prezzo ridotto.

Non contento, sempre lo scorso anno, ho aperto una struttura ricettiva a nord dell’Islanda, di cui gestisco la parte digital e di comunicazione dall’Italia. Il mio socio Lorenzo, invece, si è trasferito sul posto per godersi i paesaggi e i capricci dei clienti. :) Concludendo, se riuscite a trovare in due parole la risposta a “Che lavoro fai?” ve ne sono grato e lo scriverò sul biglietto da visita. :)

Lavori da freelance?

Sì.

Lavorare da freelance è stato (ed è) un obbligo o una scelta?

Una scelta, 2 anni e mezzo fa ho lasciato un posto fisso in agenzia pubblicitario per incasinarmi un po’ la vita. :)

Da 1 a 10, quanto ti soddisfa il tuo lavoro per quel che riguarda:

  • Aspetti economici: 8
  • Gestione dei tempi di vita e di lavoro: 9
  • Relazioni umane: 10.

Come ti vedi fra 5 anni? E fra 20?

Tra 5 anni spero di essermi calmato e di non aver aggiunto altra carne al fuoco, probabilmente mi sono buttato su troppe cose contemporaneamente.

Tra 20 anni mi vedo in Islanda, meno stressato, a coltivare la mia passione per la fotografia.

Perché vieni al Freelancecamp Marina Romea?

Perché Alessandra me ne ha parlato benissimo e spero di conoscere tantissime persone curiose come me.

E ora, giochiamo un po’.

  • Che libro non può mancare nella biblioteca dei freelance? “Una cosa divertente che non farò mai più”, di David Foster Wallace.
  • Quando viaggi per lavoro, cosa non può mancare nel tuo bagaglio a mano? Il mio Mac.
  • Quale app vorresti cancellare dal tuo smartphone? Facebook.

Sito di Jader * LinkedIn  MarinApp

In questo post abbiamo parlato di…

Newsletter

stiamo salvando i tuoi dati…