freelancecamp Marina Romea 2018
elisabetta mongardi
Condividi su

Verso il #Freelancecamp Marina Romea: Elisabetta Mongardi

Scritto da Silvia il 10 aprile 2018
Elisabetta è copywriter, viene al Freelancecamp "Per rispondere alla domanda che mi tormenta in ogni ambito della vita: gli altri come fanno?".

Che lavoro fai?

Mi occupo di comunicazione: copywriting, web editing e progetti editoriali. Scrivo contenuti e testi per siti, blog, riviste; mando newsletter; seguo la creazione di prodotti editoriali, di carta e digitali. Quando i contenuti li fanno gli altri, io coordino il lavoro. A volte organizzo eventi.

Lavori da freelance?

Sì.

Lavorare da freelance è stato (ed è) un obbligo o una scelta?

Come un po’ tutte quelle che poi chiamo scelte, è il risultato di un accrocchio di circostanze, eventi incontrollabili e decisioni prese con la pancia (di solito ha ragione lei, comunque).

Da 1 a 10, quanto ti soddisfa il tuo lavoro per quel che riguarda:

  • Aspetti economici: 7
  • Gestione dei tempi di vita e di lavoro: 6
  • Relazioni umane: 8.

Come ti vedi fra 5 anni? E fra 20?

Fra cinque anni sarò più sicura di me, un po’ più brava nel mio lavoro, avrò imparato a parlare in pubblico e a fare le slide :) Nonostante questo, passerò comunque tutto il tempo a preoccuparmi delle cose che ancora non saprò fare.

Fra vent’anni spero di avere un ottimo parrucchiere.

Perché vieni al Freelancecamp Marina Romea?

Per rispondere alla domanda che mi tormenta in ogni ambito della vita: gli altri come fanno? Per osservare le persone che mi sembrano simili a me e farmi coraggio, e imparare da quelle completamente diverse.

E ora, giochiamo un po’.

  • Che libro non può mancare nella biblioteca dei freelance? “The Erotic as Power” di Audre Lorde (non è un libro, ma un breve saggio. Si può anche ascoltare qui.)
  • Quando viaggi per lavoro, cosa non può mancare nel tuo bagaglio a mano? Il moment.
  • Quale app vorresti cancellare dal tuo smartphone? Whatsapp.

LinkedIn

Newsletter

stiamo salvando i tuoi dati…