freelancecamp Freelancecamp Veneto 2024
Ritratto Sara Saccullo

In questo post parliamo di…

Condividi su

Sarah Saccullo, consulente di copywriting: scrivere per conoscersi

Scritto da Nadia Panato il 16 Aprile 2024
Sarah Saccullo è consulente di copywriting per professioniste e imprenditrici che vogliono raccontare il loro lavoro con la loro voce. Inoltre tiene laboratori di scrittura meditativa per incoraggiare le persone a conoscersi e a trovare la propria storia.

Chi sei, cosa fai, a chi puoi essere utile?

Dopo diversi anni come copywriter freelance, affianco professioniste e imprenditrici che vogliono raccontare il loro lavoro con la loro voce e che hanno bisogno di:

  • una strategia di comunicazione
  • affiancamento nella scrittura dei contenuti SEO
  • imparare a scrivere per il web.

Creo anche naming e piani editoriali per blog e social. Con laboratori di scrittura meditativa – online e in presenza, a Bologna – incoraggio le persone a conoscersi e a trovare le parole per raccontare la loro storia.

Se dovessi scegliere la tua “storia di successo” che ti è più cara, cosa racconteresti? 

La parola successo mi fa pensare a un altissimo livello da mantenere nel tempo e mi mette una certa ansia. Preferisco tanti piccoli momenti di serenità fatti di clienti contente, progetti belli da raccontare, poter lavorare secondo i miei ritmi e i miei valori.

E quella che vorresti raccontare fra un anno, perché ancora non ce l’hai fatta ma ci stai lavorando?

Aver reso la mia attività scalabile. Ci lavoro da un po’ ma è ancora work in progress!

Da 1 a 5, quanto sei soddisfattə del tuo lavoro dal punto di vista economico, di gestione del tempo, relazioni umane?

Punto di vista economico: 3/5
Gestione dei tempi di vita e di lavoro: 4/5
Relazioni umane: 5/5

Parliamo di valori. Qual è il valore per te fondamentale, quello a cui non rinunceresti per niente al mondo?

Non rinuncerei mai all’onestà perché anche sul lavoro aiuta a creare rapporti veri e sinceri, che durano nel tempo, e perché mi fa dormire sonni tranquilli.

Quella volta che. Ti sei mai trovatə in una situazione in cui i tuoi valori professionali erano in conflitto con le aspettative del cliente? Come è andata?

Mi è capitato – capita sempre! – qualche cliente che vuole il lavoro in tempi brevi ma ho spiegato come avremmo lavorato. In alcuni casi sapevo già che il/la cliente non avrebbe accolto tempi più lunghi; in altri casi, invece, ha funzionato e siamo stati/e entrambi/e felici del lavoro insieme.

Hai già partecipato al Freelancecamp?

Sì.

Tizio, Caia e Francə sono al loro primo Freelancecamp. Cosa dici loro per accorglierl3? Cosa si devono aspettare?

Cogli tutte le occasioni per parlare con persone nuove: dal banchetto di accoglienza alla fila per il bagno. Ti basterà portare con te un sorriso.

Consiglia a Tizio, Caia e Francə un talk imperdibile degli anni passati. Perché dovrebbero guardarlo assolutamente?

“Vendersi al giusto prezzo” di Paola Nosari.

Un ripasso utile per ricordarci di dare sempre il giusto valore a noi e al nostro lavoro, sia che siamo agli inizi sia che stiamo lanciando un nuovo servizio/prodotto.

Ricordi perché hai partecipato la prima volta?  Cosa cercavi? L’hai trovato o hai trovato qualcosa di diverso? Hai conosciuto qualcunə che continui a frequentare?

La prima volta ho partecipato perché me ne avevano parlato molte freelance che conoscevo. Mi sono sempre trovata bene e ogni volta ho conosciuto persone nuove. Una su tutte, che continuo a sentire e che è diventata una cara amica, è Giada Centofanti.

Scegli una canzone e dedicala a unə freelancecampista (anche a qualcunə che non conosci ma che vorresti conoscere!). Perché hai scelto proprio questa?

Ho scelto “Strange” di LP per dire a chi partecipa per la prima volta di non preoccuparsi: abbiamo tutti e tutte le nostre stranezze ma al Freelancecamp nessuno le nota! L’importante è essere sé stessi/e.

“Ritrova le tue parole”: di cosa ci parli nel tuo talk al Freelancecamp Veneto?

Quante volte vorremmo far emergere la nostra personalità, chi siamo e in cosa crediamo, quando scriviamo ma ci mancano le (nostre) parole? Le abbiamo davvero perse o ce le abbiamo ancora qua? Ti racconto la mia esperienza: cosa ho imparato dalla scrittura meditativa e come l’ho fatta sperimentare ad altre persone. Spunti e ispirazione per ritrovare le tue parole e usarle per esprimere i tuoi valori ogni volta che scrivi, anche per lavoro.

Trovi Sara Saccullo su:

In questo post parliamo di…

Newsletter

Iscriviti e ricevi subito il corso Diventare freelance migliori