freelancecamp Roma 2019

In questo post parliamo di…

Condividi su

Verso il #Freelancecamp Roma: Jacopo Romei

Scritto da Silvia il 17 Settembre 2019
Jacopo è un consulente strategico. Al Freelancecamp sogna di convincere TUTTI i freelance d'Italia a usare contratti diversi dal solito, per guadagnare di più e lavorare meglio.

In poche righe: chi sei, cosa fai e a chi puoi essere utile.

Sono un consulente strategico e aiuto aziende e professionisti a sprecare meno tempo, denaro e entusiasmo, rischiando di fare meno a lungo la cosa sbagliata.

Qual è stato il giorno più bello della tua vita da freelance? E perché?

Quando, dopo un anno di sistematica, rigorosa e tetragona sperimentazione, ho scoperto che potevo fare prezzi 4 volte superiori a quelli applicati 12 mesi prima. Bello per due motivi:

  1. La differenza tra hobby e lavoro non e’ la passione, ma i soldi: essere pagati di più è *il* punto del lavoro; la passione è un elemento trasversale.
  2. Scoprire che alcuni assunti standard sulla percezione del valore e del costo da parte dei clienti fossero semplicemente errati è stato un bel messaggio sul… futuro: c’era luce in fondo al tunnel, per me e quindi per tutti!

E proprio di questo ci parlerai nel tuo talk, vero?

Sì, il mio intervento sarà “Extreme Contracts – Guadagnare di più, lavorando come ci pare”. Parlerò del fatto che per i freelance vendersi a tempo ha due grossi difetti: definisce un limite massimo alle prospettive di ricchezza e trasforma in impiegati di fatto, remunerati sulla base dello sforzo e non del valore creato. Ma c’è un modo nuovo di pensare ai contratti per tornare in possesso del proprio tempo, lavorare con più gratificazione e, importantissimo, rischiare di guadagnare di più!

Quest’anno al Freelancecamp ci saranno momenti dedicati espressamente a conoscerci meglio; chi vorresti incontrare?

Non lo so. Le conferenze degli ultimi 15-16 anni mi insegnano che la serendipità regna sovrana negli interstizi tra un talk e l’altro. Meglio non porsi limiti e “let it happen”.

Hai già partecipato al Freelancecamp?

No, è la prima volta.

E noi siamo proprio felici di conoscerti!
Da quanto tempo lavori come freelance? È stata una tua scelta o un obbligo? Torneresti indietro?

Lavoro da freelance dal 1996, con (parecchie) chiazze da imprenditore e (un paio brevi) da dipendente. Non tornerei indietro per il lavoro dipendente. L’imprenditoria è sempre una chance invece.

Perché vieni al Freelancecamp?

Per iniettarmi nel cuore della scena freelance italiana.

Qual è la cosa migliore che potrebbe accaderti al Freelancecamp? E la peggiore?

Sognare è gratis, no? La migliore sarebbe convincere TUTTI i freelance d’Italia a usare contratti diversi dal solito. La peggiore non conoscere nessuno nessuno di stimolante. Ma è impossibile, per fortuna!

Twitter * LinkedIn * Sito

In questo post abbiamo parlato di…

Newsletter

stiamo salvando i tuoi dati…