freelancecamp Roma 2019
Condividi su

Verso il #Freelancecamp Roma: Francesco Dell’Oro

Scritto da Silvia il 5 Ottobre 2019
Francesco è sviluppatore web e front-end WordPress da 8 anni, di cui 7 da freelance. La sua svolta è stata quando ha realizzato che era possibile lavorare e viaggiare allo stesso tempo.

In poche righe: chi sei, cosa fai e a chi puoi essere utile.

Lavoro da otto anni come sviluppatore web / front-end in ambiente WordPress. Tre giorni dopo la maturità ho iniziato in agenzia e dopo un anno ho aperto la P.IVA iniziando così la mia faticosa ma anche bellissima avventura di freelance! Oggi sviluppo siti web e progetti front-end per aziende e agenzie digital di ogni dimensione.

Qual è stato il giorno più bello della tua vita da freelance? E perché?

Il più bello in assoluto? Probabilmente quando con un po’ di paura ma anche tanta voglia di vita, di libertà e di avventura sono partito per Valencia con un computer nello zaino e un biglietto aereo in mano. Da quel giorno ho realizzato che lavorare e viaggiare allo stesso tempo era veramente possibile e che tutti gli sforzi fatti stavano dando il loro frutto. Da quel giorno sono stato un po’ ovunque nel mondo e ho realizzato uno dei miei sogni!

Quest’anno al Freelancecamp ci saranno momenti dedicati espressamente a conoscerci meglio; chi vorresti incontrare?

Mi piacerebbe incontrare persone che non hanno avuto paura di osare nella vita e di buttarsi andando controcorrente, perché essere freelance vuole dire sfidare un po’ il mondo là fuori! Vorrei tornare a casa con tante storie di ispirazione e tanta motivazione per crescere come professionista e come persona.

Hai già partecipato al Freelancecamp?

No, è la prima volta.

E noi siamo proprio felici di conoscerti!
Da quanto tempo lavori come freelance? È stata una tua scelta o un obbligo? Torneresti indietro?

Sono freelance da circa 7 anni, ma ho lavorato anche un anno in agenzia digital come dipendente (un anno di pendolare mi è bastato per svoltare :D). È stata una mia scelta, non so se farò il freelance a vita ma posso dire con onestà che nonostante sia stato un percorso faticoso e pieno di ostacoli ha cambiato positivamente la mia vita in tutti i sensi, aprendomi le porte a esperienze e opportunità che altrimenti non avrei potuto cogliere.

Perché vieni al Freelancecamp?

Per conoscere nuove persone, professionisti, scambiare idee, opinioni, risate, fare networking e imparare cose nuove!

Qual è la cosa migliore che potrebbe accaderti al Freelancecamp? E la peggiore?

La migliore? Incontrare persone con cui poter poi collaborare e tornare pieno di energia e motivazione. La peggiore? Penso non conoscere nessuno di interessante, ma è impossibile :)

LinkedIn

Newsletter

stiamo salvando i tuoi dati…