freelancecamp Roma 2019

In questo post parliamo di…

Condividi su

Verso il #Freelancecamp Roma: Barbara Reverberi

Scritto da Silvia il 2 Ottobre 2019
Barbara, al primo Freelancecamp, è una giornalista freelance e la fondatrice di Freelancenetwork Italia, una rete di professionisti del digitale e della comunicazione. Ha anche un podcast, ce ne parlerà nel suo talk.

In poche righe: chi sei, cosa fai e a chi puoi essere utile.

Sono una giornalista freelance da oltre 7 anni. Curo le media relations e le digital PR per aziende e professionisti. Ho fondato due anni fa un network di professionisti del digitale e della comunicazione – Freelancenetwork Italia – e da poco siamo anche associazione. La nostra mission è valorizzare la figura del freelance. Insieme, anche attraverso il gruppo aperto di Facebook, ci confrontiamo, ci sosteniamo, cresciamo e cerchiamo sinergie per lavorare insieme.

Dallo scorso anno ho creato un podcast – News per Freelance – per raccontare esperienze, dare suggerimenti di vita e per la professione e aiutare chi vuole diventare freelance o chi lo è già ma sente di avere bisogno di un sostegno.

Qual è stato il giorno più bello della tua vita da freelance? E perché?

Quando due anni fa ho raccontato la mia esperienza di fronte a un’incredula platea di 400 professionisti, giornalisti, avvocati e commercialisti. Dimostrando che dandosi da fare CE LA SI PUÒ FARE. Perché ho dimostrato che essere freelance è una forma mentis: si può coltivare e arrivare ai nostri traguardi con impegno e determinazione.

Quest’anno al Freelancecamp ci saranno momenti dedicati espressamente a conoscerci meglio; chi vorresti incontrare?

Luigi Centenaro, Laura Rubini e Letizia Palmisano.

Hai già partecipato al Freelancecamp?

No, è la prima volta.

E noi siamo proprio felici di conoscerti!
Da quanto tempo lavori come freelance? È stata una tua scelta o un obbligo? Torneresti indietro?

Da oltre 7 anni. Una scelta per poter conciliare famiglia e lavoro in fase di separazione. Sì.

Perché vieni al Freelancecamp?

Per imparare e per confrontarmi.

Qual è la cosa migliore che potrebbe accaderti al Freelancecamp? E la peggiore?

La migliore: trovare una nuova idea da percorrere e realizzare.
La peggiore: rimanere ferma in ascensore o chiusa in bagno.

Freelancenetwork Italia * Twitter * LinkedIn * Instagram

In questo post abbiamo parlato di…

Newsletter

stiamo salvando i tuoi dati…