freelancecamp Marina Romea 2020

In questo post parliamo di…

Condividi su

Quanto ne avevo bisogno

Scritto da Alessandra il 10 Settembre 2020

Questo 2020 è stato l’anno dei piani B, del continuo rimescolare carte che sembravano già distribuite.

A gennaio avevamo un piano-Freelancecamp con tre edizioni dal vivo di tre giorni ciascuna ed eravamo ai blocchi di partenza per lanciare le iscrizioni per maggio a Marina Romea; poi è arrivata la pandemia, per un po’ abbiamo sperato che sarebbe passata in fretta, poi abbiamo capito che sarebbe stata una lunga traversata del deserto e infine ci siamo attrezzati per incontrarci lo stesso online, e ha funzionato benissimo.

Ma mentre organizzavamo l’edizione online, una cosa mi era chiarissima: avevo bisogno di rivedervi dal vivo e avrei fatto di tutto per riuscirci.

E qui mi è venuta in aiuto, come sempre, Silvia, che ha avuto l’idea di cercare un campeggio – come ho fatto a non pensarci prima io, che ho passato tante estati in tenda? In pochi giorni abbiamo fatto sopralluoghi, contattato i campeggi dei lidi ravennati e deciso tutto: sede, date, biglietti, piani di lavoro per avere tutto pronto per l’inizio di settembre.

Un evento dal vivo è una bella responsabilità

Ridurre i numeri, impegnarsi a tenere la mascherina anche e soprattutto, sul palco, disinfettare il microfono a ogni passaggio, stare molto meno vicini di quanto avremmo voluto: ok, sono sacrifici accettabili, speriamo che prima o poi diventino superflui ma per il momento better safe than sorry.

Il Freelancecamp è un esercizio continuo di creatività e resilienza

È una scommessa sulla disponibilità delle persone a mettersi in gioco e condividere esperienze, strumenti, fatiche e successi; una scommessa che vinciamo ogni anno insieme.

Richiede tempo e lavoro e non è scalabile più di tanto, perché sono i piccoli aggiustamenti fatti a mano che lo rendono così bello. Certo, con gli anni sono arrivati gli sponsor, abbiamo aumentato il prezzo dei biglietti e adesso anche creato la membership annuale, ma sappiamo bene che questo non sarà mai il progetto con cui faremo i soldi (sorry Gianluca, ora mi rimetto a lavorare su Digital Update, prometto).

Se c’è una cosa che so fare bene è creare dei link, far conoscere le persone, collegare le storie

E oltre a saperlo fare bene, mi diverte tantissimo, forse è per questo che mi viene bene. Perché poi arrivate voi, felici di essere lì per la prima o la decima volta, e i vostri sguardi e i vostri grazie mi ripagano di tutto.

Quindi adesso sono io a dire GRAZIE

  • A chi è tornato dopo averne fatti tanti, fidandosi che sarebbe stato bello come al Boca (e alla fine è stato anche meglio)
  • A chi è venuto per la prima volta (che scommessa!)
  • Al Villaggio del Sole e al Barbagno che ci hanno ospitati con disponibilità ed entusiasmo, alla fine di una stagione strana e faticosa
  • A tutti gli sponsor che ci credono e ci permettono di continuare a far crescere il Freelancecamp: SiteGround, Coop Alleanza 3.0, Banca Etica, Baule Volante e Fior di Loto, Arbos, tutte aziende piene di persone bellissime con cui è un piacere lavorare
  • A chi ci mette del suo (lavoro) per far funzionare le cose, e le cose funzionano benissimo: Roberto Pasini per tutto, Deborah Ugolini e Filippo Marcori di Windriser per i video (con l’aiuto da casa di Vudio), Jessica Zanardi, Daniele Fanton, Sara Soldano ed Emanuele Rabissi per le foto, Stefania Pelloni per la sartoria creativa dei badge
  • A chi riempie il Freelancecamp di contenuti portando un talk (quest’anno li ho ascoltati con ancora più attenzione, bravi tutti e tutte), a Monja Da Riva per il risveglio zen del secondo mattino, a Barbara Summa per la degustazione affettuosa di vini che ho molto apprezzato, a Fabiana Palù e Carlotta Cabiati per gli ZoomClub fatti e da fare… e al meraviglioso valletto Cristiano Ferrari, la persona che dopo di me ha passato più tempo sul palco del Freelancecamp di quest’anno
  • Alle fantastiche persone con cui lavoro ogni giorno, che sopportano una che vuole avere l’ultima parola su tutto e tiene aperti contemporaneamente mille file in continua rielaborazione, aspettandosi che tutto vada avanti presto e bene: Lara, Simone, Silvia, è per merito vostro che sorrido in quasi tutte le foto del Freelancecamp
  • A Gianluca e Miriam, loro lo sanno perché.

Alla prossima allora

Nei prossimi giorni apriremo le iscrizioni per Roma e ci vedremo online per uno ZoomClub sul fisco; le carte per il 2021 sono sul tavolo, speriamo di non doverle rimescolare troppe volte, che io non vedo l’ora di fare il prossimo.

In questo post parliamo di…

Newsletter

stiamo salvando i tuoi dati…