freelancecamp FC online dicembre 2023

In questo post parliamo di…

Condividi su

Francesco Fullone, consulente strategico: “ecco come sono diventato inutile nella mia azienda”

Scritto da Silvia Versari il 29 Novembre 2023
La storia di successo di Francesco può insegnare molto a chi vuole diventare inutile in azienda, cioè imparare a delegare e come per magia trovare il tempo per fare altro.

Chi sei, cosa fai, a chi puoi essere utile?

Sono Francesco Fullone, business e sustainability designer, consulente strategico, mentor ed OKR coach. Aiuto le aziende (in qualsiasi fase e di qualsiasi dimensione) a definire meglio le loro proposte di business e le consiglio su come organizzarsi al meglio per raggiungere i loro obiettivi.

Sono advocate della Green Software Foundation e porto pratiche trasformazione per la digitalizzazione e sostenibilità nelle aziende, insegno pratiche di Life Cycle Design, Economia Circolare e Sustainable Business presso Bologna Business School (BBS) e Talent Garden Innovation School, dove sono anche coordinatore del corso e tutor.

Ho fatto una descrizione più approfondita che dà qualche ulteriore dritta di quello che faccio in questa intervista.

Se dovessi scegliere la tua “storia di successo” che ti è più cara, cosa racconteresti? 

Quella di come sono diventato inutile in azienda e magicamente ho trovato tanto tempo per fare altro. E infatti ne parlo anche nel mio talk.

E quella che vorresti raccontare fra un anno, perché ancora non ce l’hai fatta ma ci stai lavorando?

La storia di come sono andato in pensione. Ci sto lavorando da 26 anni, ma non so se ce la farò per il prossimo anno…

Da 1 a 5, quanto sei soddisfattə del tuo lavoro dal punto di vista economico, di gestione del tempo, relazioni umane?

Punto di vista economico: 4/5
Gestione dei tempi di vita e di lavoro: 5/5
Relazioni umane: 4/5

Hai già partecipato al Freelancecamp?

Sì, in diverse versioni di me.

Tizio, Caia e Francə sono al loro primo Freelancecamp. Cosa dici loro per accorglierl3? Cosa si devono aspettare?

Ascoltate, interagite e non abbiate paura di fare domande.

Consiglia a Tizio, Caia e Francə un talk imperdibile degli anni passati. Perché dovrebbero guardarlo assolutamente?

Per capire che “remote working” non significa imbruttirsi a casa.

Ricordi perché hai partecipato la prima volta?  Cosa cercavi? L’hai trovato o hai trovato qualcosa di diverso? Hai conosciuto qualcunə che continui a frequentare?

Ho partecipato a diverse edizioni, ogni volta con cappelli diversi (curioso, imprenditore, e ora freelance) e con obiettivi differenti: dall’incontrare amici e colleghi (che nel frattempo erano diventati freelance) al cercare freelance con cui collaborare. Ho anche assunto una freelance, Giulia Tosato, e l’ho fatta diventare la CEO di Apropos.srl, una delle aziende in cui sono socio e per cui sono diventato inutile ;).

Scegli una canzone e dedicala a unə freelancecampista (anche a qualcunə che non conosci ma che vorresti conoscere!). Perché hai scelto proprio questa?

Non so perché ho scelto questa, ma sono in fissa da un paio di mesi con questo pezzo (altrimenti avrei suggerito P.A.R.T.Y. degli Alestorm).

Trovi Francesco su:

In questo post parliamo di…

Newsletter

Iscriviti e ricevi subito il corso Diventare freelance migliori